Cerca

Gestire il Cambiamento

Aggiornato il: mag 12

4 tips per affrontare in modo efficace il lavoro che cambia



Affrontare il cambiamento ci mette davanti ad una situazione scomoda, perché ci costringe ad uscire dalla nostra zona di comfort.


La routine e le nostre certezze acquisite nel tempo ci fanno sentire sicuri nell'affrontare le diverse situazioni che ogni giorno il lavoro ci presenta.

Soprattutto dopo aver maturato una certa esperienza nel ruolo e nel posto di lavoro in cui ci troviamo, trovarsi di fronte a cambiamenti può essere difficile perché significa aprire la mente a nuove sfide e metterci alla prova in situazioni diverse.


Certamente non possiamo pensare di restare per sempre fermi dove siamo.

E poi, è sempre vero che il cambiamento è un nemico? E che restare nella comodità della zona di comfort sia la soluzione ottimale per noi?


Questo periodo storico ci sta mettendo di fronte a cambiamenti sempre più rapidi e spesso inaspettati, se guardiamo al mondo del lavoro.


Vediamo insieme 4 tips per affrontare il cambiamento con positività ed energia, trasformandolo da scomodità a nuova opportunità di crescita professionale.



1- Il Cambiamento è inevitabile


Che ci piaccia o no, il cambiamento è diventato una costante della nostra vita lavorativa e personale. L'ultimo anno ci ha posto di fronte a cambiamenti immensi, se pensiamo che nessuno di noi avrebbe mai potuto immaginare l'arrivo della pandemia e tutte le conseguenze che questo evento ha comportato nelle nostre vite, e nel nostro modo di lavorare.


Il mondo è cambiato, e molto velocemente. Altrettanto velocemente è cambiato il mercato del lavoro, e le modalità di gestione e organizzazione del personale all'interno di ogni posto di lavoro. Orari, contratti, modalità da remoto, nuove competenze, nuovi ambiti di attività, mercati in espansione e mercati in difficoltà.


Ognuno di noi si è trovato ad affrontare nuove sfide nel lavoro. Chi ha dovuto fare i conti con nuove modalità e con lo stravolgimento totale della routine precedente. E chi si è trovato a fare i conti con la necessità di rimettersi in gioco, formarsi e cercare nuove opportunità in ambiti professionali diversi.



2- Il Mindset conta più di ogni altra cosa


Quando affrontiamo il cambiamento, il nostro atteggiamento mentale conta più di ogni altra cosa. Infatti, cambiamento non è sinonimo di criticità.

Nell'onda del cambiamento si nascondono sempre nuove opportunità che possiamo cogliere e cavalcare. Sta a noi avere la capacità di trovarle, e prima di tutto, di non perderci d'animo.


Nuovo non significa peggiore. Fare qualcosa che non ho mai fatto, può essere un'esperienza positiva, formativa e di crescita.


Per coltivare un'attitudine positiva al cambiamento, dobbiamo partire dalla fiducia in noi stessi e nelle nostre capacità di farcela anche questa volta.


3- Cambiare genera nuova competenza


Ma cosa dici Debora? Cambiare genera competenza?

Sì, certamente!


Anche se ti sentirai incompetente mentre muovi i primi passi in un contesto nuovo e mutevole, fidati di me, stai costruendo esperienza.

E l'esperienza, come dice la parola, è ciò che ci rende esperti e competenti nel contesto professionale in cui siamo.


Affrontare cambiamenti è una scuola di nuove competenze senza confini.

Pensa a quante competenze hai maturato nell'ultimo periodo.

Competenze digitali, di comunicazione a video, di collaborazione con i colleghi da remoto, competenze comunicative.

Competenze di gestione del tempo, di bilanciamento tra lavoro e vita privata, di gestione dello stress, di estrema flessibilità ed adattabilità.

Certamente, tutti abbiamo sviluppato nell'ultimo anno una competenza chiave, che ci resterà per sempre: la resilienza, la capacità di affrontare e superare le difficoltà.


Se in più, dentro o fuori dal posto di lavoro, hai investito sulla tua formazione imparando nuove skill tecniche, o imparando addirittura una nuova professione, potrai aggiungere anche queste competenze hard alla lista.



4- Mulini a vento


"Quando soffia il vento del cambiamento, alcuni costruiscono muri, altri mulini a vento." (Proverbio Cinese)

Il cambiamento è un vento che soffia impetuoso, e dove passa, non lascia nulla così com'era. Questo vento cambia la nostra realtà e smuove le certezze a cui siamo stati aggrappati per un bel po' di tempo.


Di fronte a questa situazione, sta a noi decidere se vogliamo essere muri o mulini a vento. Se vogliamo, cioè, restare ancora aggrappati al ricordo di un contesto che non esiste, oppure se decidere di metterci in gioco, con inventiva e voglia di costruire e sperimentarci in qualcosa di nuovo.



Per concludere


In tempi mutevoli, maturiamo esperienza e flessibilità, che ci sono utili per affrontare le nuove situazioni con un atteggiamento positivo e fiducioso nel futuro.


Muoversi in un contesto nuovo non cancella tutte le competenze maturate nella nostra vita professionale precedente. Se sappiamo analizzare i nostri punti di forza, e relazionarli al contesto esistente, possiamo identificare nuove strade e darci obiettivi efficaci e raggiungibili in un mondo del lavoro che cambia.





Per un affiancamento professionale nell'affrontare il cambiamento nel lavoro, nell'identificare i tuoi punti di forza e nel definire obiettivi di sviluppo professionale, contattami a info@svoltajob.com. Ti potrebbe interessare anche: Lavoro da casa: 8 consigli per gestire al meglio la tua giornata!

A presto, e in bocca al lupo per le tue prossime opportunità! Debora

Sono Debora Spaliviero, Consulente nell'ambito delle Risorse Umane e Career Consultant individuale. Mi piace affiancare le persone e supportarle nel raggiungere i propri obiettivi di carriera, rilanciando in avanti il percorso professionale. Se il mio articolo ti è stato utile, visita questo mio sito SvoltaJob e seguimi nelle pagine social Facebook, Instagram e Linkedin.